Frankfurter Westend Galerie
dal 1966

LEONARDO GAMBINI / REMINISCENZE


Vernissage: Sabato, 14 marzo 2020, ore 11

Considerando l'attuale situazione purtroppo non possiamo garantire gli orari di apertura regolari.  Per visitare la mostra Vi preghiamo di prendere un appuntamento via mail (galerie[at]div-web.de).

Visitate la nostra mostra su vimeo: Leonardo Gambini / Reminiscenze



La mostra è aperta fino al 30 aprile 2020

LEONARDO GAMBINI / REMINISCENZE

Un mondo di maschere

La seconda mostra del giovane artista Leonardo Gambini nella Westend Galerie di Francoforte sarà inaugurata sabato 14 marzo 2020 alle ore 11.00 con il titolo REMINISCENZE. A prima vista colori vivaci e luce, ma anche allusioni all'uomo ed alla società sono i temi dell’esposizione attuale, che comprende due cicli di lavoro.

Leonardo Gambini, nato ad Ancona nel 1994, era in prossimità di diplomarsi all'Accademia d'Arte di Brera a Milano quando nel 2017 ha esposto per la prima volta presso la Westend Galerie di Francoforte. Sotto il titolo "Proporzioni" le sue opere sono state esposte insieme a quelle di Monica Temporiti. Fino ad oggi ha realizzato con successo mostre personali e collettive sia in Italia, sia a New York. Le sue opere si collocano nella tradizione del minimalismo e dell’arte concettuale. Spesso ritorna ai suoi esordi come "street artist" e realizza graffiti: l'ultima volta a gennaio, sulla facciata del padiglione espositivo della fiera di Bergamo.

"Il mio lavoro riflette la società e il mondo in cui vivo: un mondo di maschere e di belle apparenze". Così Leonardo Gambini spiega il suo approccio concettuale. Le sue "maschere" sono fatte di un materiale che contiene pigmenti di colore e allo stesso tempo è trasparente: dischi di metacrilato in tutti i colori dell'arcobaleno, che assembla all’interno di una teca secondo strutture geometriche. Da un lato gli spettatori possono guardare attraverso di essi - come attraverso una maschera - e dall'altro possono vedere il riflesso del loro volto. Il gioco di trasparenze e colore è sinonimo di autenticità e mimetismo.

Il secondo e più recente ciclo di opere dell'artista si chiama "make up". Nella sua ricerca di un nuovo materiale capace di realizzare esteticamente l'idea della persona mascherata e truccata, l'artista versatile ha scoperto le piccole perle di plastica. Disposte in molti colori e secondo schemi geometrici, coprono il supporto in plexiglas trasparente come un trucco stravagante.

La mostra REMINISCENZE è aperta al pubblico fino al 30 aprile 2020.