Frankfurter Westend Galerie
seit 1966

MATTIA NOAL - CRONACHE DAL BOSCO

+++ Visite solo su prenotazione +++

Vernissage: Sabato, 20 marzo 2021, ore 12 - 18 (su appuntamento)

Boschi e paesaggi magici sono al centro della prima mostra personale di Mattia Noal alla Frankfurter Westend Galerie. Con il titolo Cronache del bosco, le opere recenti del giovane pittore saranno esposte da sabato 20 marzo. Mattia Noal, nato nel 1984 a Schio in Veneto e formatosi all'Università di Padova e all'Accademia delle Arti di Verona, vive e lavora a Francoforte dal 2013.

"Nelle mie tele racconto storie – o piuttosto procuro gli elementi e quindi offro a una storia la possibilità di essere raccontata e di prendere forma", scrive Mattia Noal nel catalogo della mostra. In effetti, il visitatore della galleria si sente immediatamente trasportato sulla scena di un racconto. Oggetti misteriosi, forme geometriche e segnali luminosi lo accompagnano attraverso paesaggi e foreste che sono a metà strada tra la rappresentazione naturalistica e gli scenari artistici del cinema d’autore. Sono rappresentazioni opulente della natura con cieli ampi e colori forti. I mondi visivi di Noal non trovano origine nella realtà, ma nello spazio virtuale dei videogiochi. Trasmettono allo spettatore uno stato di immersione, d’inabissamento in un altro mondo. Le figure sono immagini di avatar che allo stesso tempo sembrano provenire dal mondo onirico.

Tutte le opere esposte, così come le tele e i disegni precedenti di Mattia Noal, sono documentate in un catalogo. Quest’ultimo contiene una conversazione con l'artista e un saggio di Regina Liebermann.

La mostra e il catalogo (bilingue tedesco/italiano) sono stati sponsorizzati da:
· Ministero della Scienza e dell'Arte del Land Hesssen
· Ufficio Culturale della Città di Francoforte
· Gewinn-Sparverein della Sparda-Bank Hessen e.V.
· Frankfurter Sparkasse
· Luigi Lavazza Deutschland GmbH
· Versicherungsbüro Schulz & Woidelko
· Thomas Rietschel

Per il vernissage del 20 marzo 2021 dalle 12 alle 18 è assolutamente necessaria la registrazione. La mostra sarà visitabile fino al 4 giugno 2021.